La cultura Hip Hop nella NewYork degli anni 80

La cultura Hip Hop nella NewYork degli anni 80

Breakdance, rap, street style

La New York degli anni '80 era un terreno fertile per una cultura hip-hop in sviluppo e il fotografo di Brooklyn Jamel Shabazz era lì per catturare tutto. Grazie a questo leggendario fotografo di strada, siamo in grado di fare un viaggio nel passato e vedere lo stile, il cameratismo e la spavalderia che pulsava per la città durante questo periodo elettrico. Con una rinascita di interesse per l'epoca - dovuta in parte a The Get Down di Baz Luhrmann - queste immagini rinfrescanti e autentiche documentano un momento magico prima della crepa della cocaina e delle epidemie di AIDS che avrebbero successivamente invaso la città.

foto ragazza anni 80

ragazzi anni 80 con stereo

Dopo i servizio militare, Shabazz tornò a New York nel 1980, armato di una macchina fotografica e deciso a immortalare la sua New York. Ispirato da LIFE e National Geographic, il suo lavoro è nello stile di un vero documentarista, lasciando un diario visivo che è quasi come sfogliare l'album fotografico di un vecchio amico. Per Shabazz, la fotografia è stata anche uno strumento importante per comunicare con la sua comunità. Ha iniziato a fotografare i suoi amici ed in seguito ha girato l'obiettivo in una direzione diversa, catturando giovani uomini e donne dei più bassi ceti sociali o sparando il suo obiettivo verso leader locali che avevano forza e influenza. Il lavoro di Shabazz come avete visto dalle sue fotografie è riuscito in pieno a catturare la cultura e lo stile di questo momento cruciale nella storia di New York.

new york anno 80

ragazzi in bianco e nero

Questo è il momento esatto in cui possiamo collocare la nascita dell'era del rap e dell'hip-hop, dove artisti come KRS-One o Queen Latifah, parlavano di cultura e di orgoglio razziale, dove la gente indossava abiti per rappresentare se stessi, orgogliosi e attenti al proprio aspetto, indipendentemente dallo stato economico.

Immagini di Jamel Shabazz

 

Posted in: Blog

No comments

You have to log in in order to leave a comment.